domenica, Maggio 22, 2022
spot_img

Latest Posts

La Borsa da Viaggio

La Borsa da Viaggio

cosa avere sempre con sé quando si viaggia con i bambini piccoli

Vale sempre la pena di avere una Borsa del Cambio o Borsa da Viaggio. Anche se non si viaggia spesso, anche solo per andare a casa dei nonni.
Le più famose marche di prodotti per bambini ne producono di praticissimespaziosecompatte. Fornite di piccole tasche interne o esterne, agganciabili al passeggino e sopratutto lavabili in lavatrice. Sono un po’ care, ma sono il regalo più utile che si possa fare o ricevere (io ne ho ricevute due e le uso continuamente. E quando mi capita di regalarle, lo faccio sempre con un pizzico di orgoglio, sapendo che poi mi penseranno).
Una volta passata l’epoca dei pannolini la borsa potrà essere riconvertita per qualsiasi cosa: cambio di vestiti, set di pennarelli, bambola /macchinina preferita, set pappa ecc. Per questo motivo sconsiglio la borsa con il fasciatoio incorporato, oggetto che diventerà presto inutile prendendo comunque spazio e peso

La Borsa da Viaggio o Borsa del Cambio, comprata, adattata o fatta “in casa” dovrebbe avere alcune caratteristiche:

  • Leggerezza (va riempita)
  • Compattezza (andrà incastrata ovunque)
  • Praticità (lacci, lacetti, bottoni, tasche e taschine, sono solo scomodi: molto meglio cerniere lampo o all’americana, pochi scomparti, ma pratici, i lacci strettamente necessari per portarla a tracolla o al passeggino)
  • Resistenza (verrà lanciata, pestata, pigiata e quant’altro e non potrà permettersi si disfarsi, rompersi o scucirsi)
  • Lavabile in lavatrice (è una borsa che avrà visto la bauliera dell’auto, scomparti del treno, bagni pubblici e pavimenti di bar e ristoranti, deve poter essere lavata in lavatrice)
  • Colori resistenti (non deve mai scolorire quando si lava o si bagna accidentalmente) e possibilmente scuri (caratteristica facoltativa ma sempre utile quando si tratta di bambini.)

Cosa si mette nella Borsa del Cambio o Borsa da Viaggio
Ci sono degli oggetti che è conveniente tenere sempre nella borsa da viaggio (pannolini, fazzolettini, un bavaglio, un sacchetto di plastica, cerotti, i biscotti secchi ecc) altri che si mettono alla bisogna (merenda, frutta). In linea di massima, una borsa sola riesce a contenere tutto l’elenco a seguito, considerando che per lo più si tratta di oggetti che prendono poco posto o che si escludono a vicenda (se il bambino beve dalla borraccia non ha bisogno del biberon), ma se si viaggi a pieno regime o i bambini sono due o più, le Borse potranno moltiplicarsi,  per il cambio, una per il cibo,  una per i giochi

  • Il Cambio (i pannolini, il fasciatoio, l’asciugamano, le salviette umidificate, le pomate) fino a che ce n’è bisogno.
  • Il necessario per i pasti (il bavaglio o tovagliolini di carta, la borraccia e/o il biberon, qualcosa per “passare il tempo” mangiucchiando – i biscotti, I formaggini, la frutta-, la merenda, la pappa o i panini, le posate di plastica, i tovagliolini di carta)
  • Le “seggette di carta” usa e getta. Sono uno strumento utilissimo per chi viaggia con i bambini, anche più grandicelli
  • Le salviette umidificate: Anche se fuori casa, l’uso dell’ acqua corrente è sempre preferibile ad altri sistemi per pulire il bambino.
    Con un po’ di esperienza si impara a lavare i piccoli infanti un po’ ovunque. Rimane il fatto che le salviette umidificate siano uno dei migliori alleati dei genitori in viaggio (ma anche ai giardini, al ristorante, in gelateria…).
    L’uso delle salviette rimane utile in moltissime occasioni, dal classico cambio del pannolino alla pulizia delle manine, alla pulizia delle superfici. Conviene sempre averne dietro una confezione e se si ha una borsa del viaggio lasciarne sempre una all’interno. Di salviette ce ne sono molti tipi, per la borsa del viaggio credo che le migliori siano quelle confezionate in buste morbide, rettangolari o quadrangolari, compatte e richiudibili con la linguetta adesiva. Prendono poco posto, sono pratiche e non seccano. Per casa sono molto utili anche i barattoloni formato famiglia, più economici e duraturi, ma che prendono posto in una situazione di gioco all’incastro.
  • I sacchetti di plastica: avere in borsa un sacchettino di plastica di quelli piccoli (da spesa al mercato, per intenderci) fa sempre molto comodo quando si cambiano i bambini fuori di casa. Sia perché talvolta non si ha un cestino a portata di mano (e non è bello portarsi dietro un pannolino male odorante) sia perché quando il cestino c’è è meglio isolare in un sacchetto, quella bomba battereologica che è un pannolino sporco.
  • I fazzolettini: Un pacchetto di fazzoletti è un salvavita non da poco. I fazzolettini sono pratici, polivalenti e si gettano dopo l’utilizzo. Possono essere utili per la pulizia di nasi, mani, visi, e superfici. E nel caso in cii ci si sia dimenticato il bavaglio sono un buon sostituto (un po’ di fortuna, ma valido). Alternativa possono essere i tovagliolini o la carta da cucina (un po’ ingombrante, ma utile quando siamo in comitiva con tanti bambini)
  • La pappa
  • Stuzzincini:  Biscotti secchi o formaggini: o qualsiasi cosa possa essere lasciato anche per lunghi periodi nella borsa senza andare a male. Risulteranno utilissimi per i morsi di fame che prenderanno, di solito, a orari impossibili o in luoghi inaccessibili o in auto in coda…. Meglio evitare la cioccolata che sporca a tende a sciogliersi.
  • Acqua: per supplire alle emergenze di cui sopra…
  • Qualche cerotto: serve più per scena che per altro, ma fa sempre comodo
  • Amuchina o simili: stando molte ora fuori di casa un piccolo disinfettante da passare sulle mani è piuttosto utile, soprattutto quando si è passati da metropolitane e panchine pubbliche e le manine stanno per finire in bocca
  • Medicine necessarie: Se il bambino soffre di qualche patologia particolare (allergie, asma ecc) avere nella borsa dal viaggio una piccola scorta di medicinali (occhio alle scadenze!) può essere utile in caso di viaggi brevi, in cui è facile dimenticare la piccola farmacia. Personalmente, a parte i medicinali specifici, posso elencare come utili: la Tachipirina. Fermo restando il consenso del medico, la Tachipirina è un’ auto medicazione molto utile contro febbre, mal di testa, mal di denti, vomito. Basta una supposta o due per coprire la prima emergenza. La pasta per il mal di denti, per i bambini che li stanno mettendo (ho sempre considerato una crudeltà far patire il mal di denti ai lattanti) Sondine e clisterini di glicerina, per evitare mal di pancia vari.

» I compagni inseparabili del bambino in viaggio

Latest Posts

spot_imgspot_img

Don't Miss

Stay in touch

To be updated with all the latest news, offers and special announcements.