Castel Gandolfo con i Bambini

0

Castel Gandolfo con i Bambini

Conosciuta per essere la residenza estiva dei Papi, Castel Gandolfo, si sviluppa a cavallo tra la zona collinare dei Colli Albani e quella pianeggiante dell’Agro Romano.

Scrigno che racchiude tesori inestimabile, Castel Gandolfo, incanta per la sua bellezza, anche naturalistica e paesaggistica (fa parte del Parco regionale dei Castelli Romani).

Una delle architetture simbolo del borgo è il Palazzo Pontificio (o Palazzo Apostolico). Si tratta di una residenza papale suburbana compresa nell’area di oltre 55 ettari che costituisce il complesso delle Ville Pontificie (che comprende Villa Cybo – progettata per sé stesso dall’architetto Francesco Fontana, nominato perito della Villa Pontificia da papa Clemente XI nel 1706 -, Villa Barberini – ospita due telescopi della Specola Vaticana e fu costituita da Taddeo Barberini, nipote di Urbano VIII-, il Collegio estivo di Propaganda Fide ed il convento dell’Immacolata Concezione, popolarmente chiamato dagli albanensi “delle sepolte vive”).

Il progetto per la costruzione del palazzo venne affidato a Carlo Maderno che lo realizzò, nel corso del Seicento, con l’aiuto dei suoi assistenti Bartolomeo Breccioli e Domenico Castelli.
Trascurata per circa un secolo, la villa di Castel Gandolfo tornò ad essere frequentata nel Settecento con papa Benedetto XIV.
Il palazzo, normalmente chiuso al pubblico (ad eccezione del cortile interno) viene oggi utilizzato abitualmente dai papi come residenza nei periodi di riposo, tanto che Giovanni Paolo II definì Castel Gandolfo il «Vaticano Due». Al suo interno vi è la meravigliosa Cappella Privata, che custodisce una bellissima immagine della Madonna del Santuario di Częstochowa.

Sul tetto del Palazzo Apostolico si può notare la Specola Vaticana, l’osservatorio astronomico e centro di ricerca scientifica della Chiesa cattolica. E’ una delle istituzioni più antiche al mondo nel panorama degli osservatori astronomici. La sua origine risale infatti alla seconda metà del secolo XVI.

La principale chiesa di Castel Gandolfo è la Collegiata di San Tommaso da Villanova, splendida architettura barocca commissionata a Gian Lorenzo Bernini da Papa Alessandro VII Chigi. L’esterno della collegiata presenta, sulle facciate e sui fianchi, un cornicione continuo. Mentre l’interno – che ospita un prezioso organo a canne – si presenta con pianta a croce greca, con i bracci, coperti con volta a botte.

Molto bella è anche la Chiesa della Madonna del Lago, sormontata da una struttura a ventaglio voluta da papa Paolo VI e consacrata dallo stesso Papa nel 1977.

Castel Gandolfo ospita, sul suo territorio, diversi siti archeologici: i resti della villa romana Villa di Publio Clodio Pulcro, i monumentali resti della Villa albana di Domiziano, il Ninfeo del Bergantino o dei Bagni di Diana (sulle rive occidentali del Lago Albano) ed il Villaggio delle Macine (insediamento palafitticolo dell’età del bronzo situato sulla riva settentrionale del lago Albano).

Richiedi Info

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia