Giro della Sicilia barocca in auto: consigli per un viaggio con la famiglia

Giro della Sicilia barocca in auto: consigli per un viaggio con la famiglia

In Sicilia già si respira un’aria primaverile, le giornate si allungano e cominciano a sbocciare i primi fiorellini. Sembrerebbe proprio il momento propizio per programmare una vacanza in queste terre. Tra le mete da prediligere, sicuramente meritano una menzione speciale le capitali del barocco siciliano, che sono ideali da visitare in primavera per via delle temperature miti e del limitato afflusso turistico. Vediamo come organizzare il viaggio in queste località, dove fermarsi e cosa vedere.

 

Come pianificare il viaggio in automobile

Booking.com

Per girare la Sicilia la migliore soluzione è l’automobile dato che sull’isola i collegamenti pubblici scarseggiano. Potete raggiungere l’isola con la nave così da portarvi dietro la vostra auto, ma se non amate i viaggi lunghi, potete sempre prendere l’aereo e noleggiare l’auto in loco. A tale proposito, le soluzioni non mancano e per questo conviene studiare in anticipo la possibilità di usufruire di un noleggio auto low cost presso una compagnia locale come Sicily by Car. In quest’ultimo caso non dovete far altro che prenotare la vostra auto online per averla subito a disposizione una volta giunti in terra siciliana. Ovviamente, soprattutto se si viaggia con i bambini piccoli, la vettura dovrà essere attrezzata con seggiolini omologati e altri accessori necessari a viaggiare comodamente per diverse ore e idonei a garantire la sicurezza di tutti i passeggeri. Se la famiglia è numerosa poi, conviene scegliere un’auto spaziosa e confortevole che possa contenere tutti i bagagli. Infine, in fase di pianificazione dell’itinerario, bisogna prevedere delle soste in destinazioni dove non manchino i servizi per tutti i membri della famiglia.

Giro della Sicilia barocca in auto: consigli per un viaggio con la famiglia
Giro della Sicilia barocca in auto: consigli per un viaggio con la famiglia

Le tappe da percorrere

Se il vostro obiettivo è condurre tutto il nucleo familiare alla scoperta delle meraviglie del Barocco siciliano, non può mancare una visita a Catania, specialmente alla cattedrale dedicata alla Patrona, Sant’Agata, e alla Chiesa di San Biagio. Uscendo da Catania si prosegue verso la costa meridionale che va verso Ragusa, un vero e proprio gioiellino. A Ragusa è obbligatoria la visita al Duomo di San Giorgio, mentre la sola cittadina di Noto è capace di racchiudere un tesoro barocco inestimabile. Tra le altre città barocche molto interessanti da inserire nel proprio percorso, troviamo Piazza Armerina, Modica e Gela. E non mancano tracce barocche di grande bellezza a Siracusa, concentrate soprattutto ad Ortigia. Il tutto si snoda lungo un percorso ricco di reperti di antiche civiltà, cui fanno da sfondo un mare cristallino e un’ottima cucina tipica.

 

Le attrazioni da non perdere

Qualche indicazione in più sulle attrazioni barocche però non guasta mai. A Catania, per esempio, oltre alla già citata Cattedrale di Sant’Agata, c’è il Monastero dei Benedettini, collocato in piena città, che custodisce al suo interno una Domus romana. Poi c’è Palazzo Biscari, ricco di saloni e giardini, e il Palazzo degli Elefanti, sede del Municipio. A Siracusa invece, e più precisamente ad Ortigia, non può mancare una visita al Duomo con i suoi capitelli decorati e le sue statue. A Noto invece è tutto Corso Vittorio Emanuele ad essere costellato di gioielli barocchi, tra cui la Chiesa di San Francesco all’Immacolata, la Chiesa di Santa Chiara, la Cattedrale di San Nicolò e il Palazzo del Municipio. Ricca di tesori barocchi è anche la città di Modica, a partire dal Duomo di San Giorgio, con la sua cupola di 36 metri e i 164 gradini, al Duomo di San Pietro, anch’esso da raggiungere salendo a piedi lungo una scalinata spettacolare.

Giro della Sicilia barocca in auto: consigli per un viaggio con la famiglia
Giro della Sicilia barocca in auto: consigli per un viaggio con la famiglia

I commenti sono chiusi.