L’Alhambra di Granada con i Bambini

0

L’ Alhambra di Granada con i Bambini

Alhambra il simbolo di Granada e una delle sette meraviglie del mondo moderno

Simbolo di Granada è l’Alhambra (la cittadella rossa, dall’arabo “al-Ḥamrā'”, la Rossa), un notevole complesso architettonico che occupa la maggior parte del colle della Sabika e che si configurava come una città a tutti gli effetti (dotata, tra l’altro, di tutti i servizi essenziali come scuole, moschee e botteghe).
Da molti considerata una delle “sette meraviglie del mondo moderno“, l’Alhambra è stata dichiarata, dall’UNESCO, Patrimonio Culturale dell’Umanità.

Iniziata nella prima metà del Duecento da Muḥammad ibn Naṣr, risulta suddivisa in vari edifici: l’Alcazaba (la zona militare con il Jardín de los Adarves e la monumentale Torre della Vela), i Palacios nazaríes (il complesso formato dal Palacio de Comares e dal Palacio de los Leones e caratterizzato dalla sala conosciuta come la Mexuar, destinata alle udienze e all’amministrazione della giustizia straordinaria), dalle Stanze dell’Imperatore, dal Palazzo di Carlo V e dal convento di San Francesco.

Presentare Alhambra di Granada ai Bambini
Alhambra è nata come roccaforte militare. I mori avevano necessità di costruire un ambiente difensivo e decisero di sfruttare le  rovine di un’altra cittadella, chiamata Alcazaba.
L’idea di costruire sopra qualcosa di preesistente permette di minimizzare i rischi per la costruzione: si possono riciclare fondamenta e mura (anche se non tutti) ed essere sicuri che se la vecchia posizione era adatta a difendere la città in passato lo sarà anche in futuro!
In realtà la cittadella ben presto si trasformò in un bellissimo palazzo.
Cordili, giardini, fontane (l’acqua è sempre importantissima e segno di ricchezza), andarono ad arricchire gli interni della fortezza che oggi appare un bellissimo contrasto: fortezza militare all’esterno e palazzo signorile all’interno.
Della vecchia fortezza è rimasto il nome arabo: Al – Qal aal – Hmbra (traslato poi i n spagnolo Alhambra) cioè “fortezza rossa”, probabilmente a causa dei mattono rossi che la contraddistinguono.

Note per i bambini con il passeggino
Per arrivare all’ Alhambra è necessario percorrere una lunga strada in pendenza (non comodissima con il passeggino) e molte zone sono collegate da scale.
E’ consigliabile, se il bambino/a non cammina, organizzarrsi con un marsupio, mentre se il bambino cammina, lasciare il passeggino all’entrata.

Proprio di fronte all’Alhambra, in posizione collinare, troviamo uno dei più importanti e belli quartieri della città: l’ Albayzín, mentre di fronte si trova il Generalife: un palazzo indipendente di incredibile bellezza.

L'Alhambra di Granada con i Bambini

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web