Oktoberfest con i Bambini Parte 1°

Oktoberfest con i Bambini Parte 1°
0

Oktoberfest con i Bambini Parte 1° Una possibilità inaspettata

“La gente della notte fa mestieri strani”, cantava Jovanotti in gioventù, la mia e la sua, ma non solo quelli notturni, sono “mestieri strani” esiste tutta una categoria di attività per cui “si lavora quando gli altri sono in ferie e si è in ferie quando gli altri lavorano”.
Poiché da piccola paventavo un lavoro del genere è ovvio che per buona parte della mia vita adulta sia stato questo a darmi da mangiare.

Booking.com

Nella prima parte della mia vita (quella senza figli) l’idea di essere in ferie in periodi strani era piuttosto allettante. La fatica di lavorare anche il sabato e la domenica (talvolta tutti i sabati e le domeniche) era pareggiata dall’aver la possibilità di andare a cercare funghi di mercoledì o di fare una scappata al mare dal martedì al giovedì.
Non solo: i mercatini di Natale li ho visti sempre dopo l’8 dicembre (il 9, soprattutto se cade infrasettimanale è uno dei giorni più belli) e il mare di settembre e ottobre mi ha dato non poche soddisfazioni.
Anche la nascita dei bambini ha cambiato poco la le cose almeno fino a che non hanno iniziato ad andare scuola:  al nido, alla materna e poi la primaria.

Qualche volta capita, però, che la voglia di trasgressione ci attanagli alle caviglie o un’occasione inaspettata si presenti davanti alla porta. Così può capitare che a metà settembre si presenti l’occasione di un paio giorni in Germania  e che si riesca anche a sistemare le cose in modo da partire tutti e cinque.
Si apre allora la fase della preparazione, la voglia di partire e la preoccupazione dei bagagli tornano a ballare il loro valzer, il richiamo dell’avventura e la pigrizia si mescolano, idee bislacche e razionalità si sfidano.
Una volta ho sentito che il cervello prova piacere un secondo prima che il corpo lo sperimenti. Per il viaggio un po’ è lo stesso.
La preparazione è già viaggio, speranza, paura, organizzazione, attesa, soddisfazione. E quando il viaggio si presenta all’ improvviso, allora l’alchimia è ancora più pungente.

(continua…)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.