Viaggiare in Auto con i bambini

Viaggiare in auto con i bambini
0

Viaggiare in auto con i bambini

Il viaggio in auto appare il più banale e il meno degno di considerazione, ma il fatto che sia il più frequente non significa che possa essere il più disorganizzato.
Prima di tutto è importante non sottovalutare i problemi legati alla sicurezza in viaggio.
Se i bambini sono piccoli e hanno necessità dei seggiolini, questi devono essere a norma e ben allacciati, sia che si parta per il giro del mondo sia che si arrivi dal giornalaio in fondo alla strada.

Booking.com

In secondo luogo è opportuno soffermarci sulla distribuzione dei bagagli.
Gli oggetti che possono essere utili o richiesti, è bene che siano a portata di mano. La borsa del viaggio, il bambolotto o la macchinina preferita, la merendal’acqua e lo stuzzichino, non dovrebbero trovarsi pigiati sotto la ruota di scorta, ma stare a portata di mano, del bambino o dell’adulto.
All’ apparanza pare un paradosso tenere così tanti oggetti “a giro”, ma in realtà si tratta di un paio di borse, preparate in anticipo, che si possono collocare comodamente tra i piedi o tra i passeggeri dell’auto.

Segue la distribuzione delle persone. Se i due fratellini tendono a picchiarsi non appena sono vicini, forse vale la pena dividerli con un borsone o con un adulto, di contro, stare affiancati, permetterà a molti bambini di intrattenersi da soli, o magari di addormentarsi, l’uno sulla scia dell’altro, cullati dal movimento.

Se il piccolo (o il grande) soffre di mal d’auto è bene avere a portata che il necessario per l’evenienza: medicinali contro la nausea, ma anche un sacchetto o un asciugamano per il vomito e un cambio completo di vestiti (incluse scarpe e calzini).

[block class=”block-container-blue”]

Un piccolo trucco

Il limone da mangiare a morsi è ottimo contro la nausea, così come cantare in gruppo o distrarsi osservando tutto ciò che passa accanto e soprattutto davanti all’auto. Evitare il latte, aranciata e succhi di frutta e in genere troppi liquidi è buona cosa per evitare il vomito

Importantissimo è, però non enfatizzare il problema, non aspettare che il bambino vomiti a tutti i costi e tentare di non nominare il disturbo in assoluto. L’ aspetto psicologico non è, forse, primario, ma indubbiamente sentirsi ripetere allo sfinimento “ti senti male? hai voglia di vomitare? Nausea? Male alla pancia” farebbe rimettere chiunque!

[/block]

Booking.com

Se il viaggio è molto lungo possono essere utili cd con canzoni dello zecchino d’oro o di fiabe. Per spostamenti importanti con degli imprevisti, è facile che arrivi la lagna o il classico “siamo arrivati?” ripetuto allo sfinimento (avete presente il viaggio in carrozza con Ciuchino in Shrek II?) Non è facile, ma in questi casi l’adulto dovrebbe cercare di non cadere nella spirale del fastidio e invece di alterarsi a sua volta, cercare motivi di distrazione, chiacchierando, cantando, raccontando fiabe o escogitando dei giochi da fare in auto.

Sono da sconsigliare i libri di qualsiasi forma e genere (da leggere o da colorare) a meno che non siamo fermi in coda, perché il chinare la testa e leggere in auto favorisce le nausee da mal d’auto.

Viaggiare in auto con i bambini

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.